IL GREEN PASS E’ OBBLIGATORIO – SOLO AL CHIUSO E SEDUTI

green pass è obbligatorio

Il Green Pass è obbligatorio dal 6 agosto prossimo anche in Italia per per accedere a bar, ristoranti e servizi per la ristorazione in generale.

L’obbligo riguarda soltanto le consumazioni al chiuso seduti al tavolo

Lo stabilisce il decreto legge del Governo emanato ieri (22 luglio 2021) che comprende anche i nuovi parametri per definire le aree a rischio (bianca, gialla, ecc,).

green passSono esentati gli under 12 per cui non esiste ancora un vaccino autorizzato, e chi non può vaccinarsi per motivi di salute sulla base di idonea certificazione medica

Il green pass è obbligatorio, inoltre, per accedere spettacoli, eventi e competizioni sportive, musei, istituti e luoghi di cultura, piscine, palestre, centri benessere, fiere, sagre, convegni e congressi, centri termali, parchi tematici e di divertimento, centri culturali e ricreativi, sale da gioco e casinò, concorsi pubblici.

Può ottenere il green pass chi ha ricevuto la prima dose di vaccino, oppure ha un certificato di guarigione nei precedenti sei mesi, oppure ha effettuato un test molecolare o antigenico o salivare nelle 48 ore precedenti e ha avuto esito negativo.

Fino all’adozione di nuove disposizioni possono essere utilizzate le certificazioni rilasciate in formato cartaceo

La Fiera di Rimini – IEG già pronta per il green pass obbligatorio

Dal prossimo mese di settembre, con l´obiettivo di tutelare aziende, visitatori, fornitori e dipendenti, sarà richiesto il green pass (o gelatotitolo equivalente) a tutti coloro che accederanno in fiera durante lo svolgimento delle manifestazioni espositive.

Le prime fiere per le quali sarà necessario saranno il Macfrut a Rimini e Vicenzaoro a Vicenza. “L´obiettivo – spiega l´AD di IEG Corrado Peraboni – è garantire ai nostri espositori/visitatori padiglioni covid free, un luogo dove l´unica preoccupazione di chi vi accede deve essere quella di fare business. La richiesta di questa misura ci arriva in modo forte dalle aziende, specie quelle multinazionali, che intendono garantire la massima sicurezza ai propri collaboratori che frequenteranno le fiere dopo la riapertura di settembre. Non è un caso che il Green Pass sia previsto come requisito dalla grandissima maggioranza degli organizzatori fieristici europei”.

Da quando è scoppiata la pandemia molte manifestazioni fieristiche di IEG si sono svolte in forma digitale.