GELATERIE: COMMERCIO, ARTIGIANATO O INDUSTRIA ?

gelaterie e pasticcerie

Gelaterie. L’attività di gelateria (così come la pasticceria) considerate le diverse modalità in cui viene espletata, ai fini normativi viene inquadrata con modalità e trattamenti specifici sia sotto il profilo fiscale sia delle leggi sul lavoro (INPS, ecc.).

I codici ATECO

Per individuare  l’attività si può partire innanzitutto dalla Classificazione delle attività economiche Ateco 2007”. Il codice ATECO ha soprattutto valore statistico e viene di solito usato nelle operazioni di denuncia o di registrazione della propria attività alla Camera di Commercio. Tale codice è importante anche ai fini di poter inquadrare l’attività ai fini fiscali. Ma non solo, il codice Ateco è risultato di fondamentale importanza per individuare le aziende soggette a restrizioni nei Dpcm relativi al Covid ed anche per stabilire chi ha diritto agli indennizzi. Per trovare l’attività di gelateria il percorso inizia dalla gelateriesezione I “Attività dei servizi di alloggio e ristorazione” per passare poi alla voce 56 “Attività dei servizi di ristorazione” poi alla successiva 56.1 “Ristoranti e attività di ristorazione mobile”. C’è poi la voce 56.10 denominata ancora “Attività dei servizi di ristorazione mobile” dove, finalmente, vengono evidenziati i codici 56.10.30 riferito a Gelaterie e Pasticcerie e 56.10.41 riferito a Gelaterie e pasticcerie ambulanti. Sempre riferito alle attività di gelateria e pasticceria c’è poi un’altra classificazione nel caso questa si svolga in laboratori senza vendita diretta al pubblico. In questo caso l’inquadramento previsto è nell’industria o nell’artigianato, con il codice 10.52.00 per la produzione di gelati e con il codice 10.71.20 per la produzione di pasticceria.

La distinzione è  importante ai fini delle leggi sul lavoro. Al proposito l’INPS è intervenuta in particolare con la circolare numero 56 del 08-03-2017 (dove al punto 2 tratta il caso specifico) successivamente integrata dal messaggio n.2645 del 23 giugno 2017 dove si precisa cosa si debba intendere per:

  • gelateria o pasticceria industriale o artigianale, da svolgere con: – codice statistico contributivo (c.s.c.) 10407/40407 e Ateco 10.52.00 per la produzione di gelati; – c.s.c. 10405/40405 e Ateco 10.71.20 per la pasticceria; Per l’inquadramento nel settore industria, la produzione di gelati o pasticceria dovrà essere svolta in un laboratorio/opificio che non preveda la vendita diretta al pubblico.
  • gelateria o pasticceria, intesa come luogo aperto al pubblico dove si vende il prodotto (pubblico esercizio). In tal caso, trattandosi di somministrazione al pubblico di cibi e bevande, si userà il c.s.c. 70504 e Ateco 56.10.30 o 56.10.41 se svolta in forma ambulante. Comunque l’attività può rimanere nell’ambito dell’artigianato se viene svolta direttamente dal titolare (vedi art. 2 legge quadro per l’artigianato Legge 8/8/1985 n. 443) e sia venduto esclusivamente o prevalentemente il prodotto e non anche altre bevande. A questo proposito si ricorda che  il Consiglio di Stato con sentenza del 21 marzo 2019 di fatto consente l’utilizzo di tavoli e sedie ma non il sevizio al tavolo. In caso contrario, l’attività dovrà essere ricondotta nell’ambito dei pubblici esercizi (c.s.c. 70504).