ALLUVIONI IN GERMANIA – DANNI ALLE GELATERIE

alluvioni

Nella Germania devastata dalle alluvioni, soprattutto nelle aree confinanti con Belgio, Lussemburgo e Olanda, le gelaterie stanno vivendo momenti terribili.

In quelle zone la presenza di gelaterie italiane, in particolare bellunesi e venete, è infatti storicamente molto diffusa.

alluvioni Dopo i mesi di lavoro penalizzati dalla pandemia ed un inizio di stagione altalenante questa ulteriore mazzata proprio non ci voleva.

La testimonianza di Bortolot

Una testimonianza che traccia un quadro della situazione arriva da, Fausto Bortolot, il quale ha raccontato la situazione vissuta dai propri figli a Cochem, sulle rive della Mosella.

Per fortuna erano stati avvisati un po’ prima e sono riusciti a sgomberare per quanto possibile  parte degli arredi e dei prodotti di una delle gelaterie dove poi è entrato un metro e mezzo d’acqua – racconta Bortolot. La vetrina del gelato, pur invasa dall’acqua, si è in qualche modo salvata in quanto, proprio in considerazione delle possibili alluvioni storicamente provocate dalla Mosella, avevamo previsto di riparare le parti elettriche con un involucro a tenuta stagna. I danni ci sono stati ma perr fortuna – conclude Bortolot – alle persone non è successo niente”.

In altre zone, dove dove gli straripamenti, soprattutto in questo periodo, avvenivano raramente, i danni alle gelaterie sono stati assai ingenti.

La solidarietà di Luca Zaia

Le immagini diffuse da Fausto Bortolot hanno colpito anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, che , in una intervista rilasciata alla emittenete trevigiana Antenna 3, ha espresso preoccupazione e solidarietà alla folta comunità veneta presente in Germania.

Anche una colonna dei vigili del fuoco è partita dal Veneto per dare il proprio aiuto alle operazioni di soccorso.

Sono ore di apprensione anche all’Associazione Bellunesi nel Mondo che annovera tra i propri associati numerosi gelatieri.

Siamo in continuo contatto con i nostri associati – informa il presidente dell’Associazione Bellunesi nel Mondo Oscar De Bona – fortunatamente allo stato attuale non ci sono vittime, ma i danni alle abitazioni, alle strade e all’intero territorio sono ingenti”